martedì 13 gennaio 2015

Gateau di patate

GATEAU DI PATATE
Il gateau di patate (italianizzato "gattò") è un piatto tipico della cucina partenopea.
E'un piatto creato per il banchetto di nozze della regina Maria Carolina, figlia di Maria Teresa Lorena-Asburgo, moglie di Ferdinando I Borbone, nel 1768.
La nuova Regina introdusse nella capitale il gusto francese e la consuetudine di affidare il servizio di cucina ai "monsieurs" (termine "corrotto" in "monzu'" dai napoletani). Proprio questi cuochi crearono il particolare sformato per il banchetto reagale

Difficolta': media
tempo un ora


Ingredienti (per 4 persone):                                                  Preparazione:
                                                                                           Lessate le patate, sbucciatele e schiacciatele
                                                                                           in una ciotola  fino a farle diventare  quasi una
kg 1 patate                                                                          purea
  gr 70 burro
gr 50 parmigiano grattugiato
parmigiano grattugiato
latte 2 bicchieri
3 uova
gr 100 salame napoletano tagliato sottile
gr 300 provola tagliata a cubetti
gr 100 di provolone
pangrattato                                                                      
Aggiungete il burro alla patate assieme alle due uova,


 al parmigiano, al misto salumeria e alla provola a piccoli cubetti

 Lavorate per bene l’impasto con un mestolo di legno aggiungendo poi sale e un po’ di pepe se vi piace. Unite i due bicchieri di latte per renderlo morbido, altrimenti viene troppo secco.

 Il composto alla fine deve comunque risultare semidenso. Ungete una teglia con dell’olio e spolverizzate del pangrattato sul fondo.
 Riversate il composto nella teglia ed appiattite la superficie (anche con le mani)
Spolverizzate anche la parte superiore del gattò con il pangrattato.
 Inseritelo nel forno caldo e lasciatelo cuocere sino anche 30 minuti. La parte superiore dovrà risultare imbiondita il mio consiglio e' di gustarlo non troppo caldo.
ET VOILA' il "gateau"