venerdì 14 luglio 2017

Bucatini con crema di peperoni

BUCATINI CON CREMA DI PEPERONI
 Sono stata in un ristorante a Pozzuoli insieme a mio padre ed ho assaggiato per la prima volta i bucatini con i peperoni, e devo dire che mi sono piaciuti tantissimo. Oggi li ho riproposti a casa.usando come sempre la mia fantasia culinaria.In genere questa ricetta richiede i peperoni fritti, ma io,  che cerco quasi sempre di evitare le fritture,ho preferito arrostirli prima e poi insaporiti in padella, la diversità è che ho frullato gran parte dei peperoni per farne una magnifica crema e per la terza parte li  ho lasciati interi.

Difficoltà minima
tempo 30 minuti per i peperoni
15 minuti per la pasta
 Ingredienti per 3 persone:
3 peperoni gialli e rossi,
300 g di bucatini,
spicchio di aglio e cipolla,olio extravergine qb
pecorino romano grattugiato,
folgie di basilico
sale qb

Preparazione.:
Ho Lavato i peperoni  li ho asciugati e messi nella padella antiaderente con il coperchio, li ho arrostiti per 30 minuti, fino a quando si sono appassiti.



 .Una volta spento il fuoco li ho tenuti per altri 30 minuti ad appassire per poterli spellare facilmente.Dopodichè li ho tagliati a listarelle e li ho insaporiti in padella nella quale ho versato l’olio extravergine d’oliva con aglio e cipolla , il sale,

 dopo 5 minuti li ho salati ed ho tolto l'aglio, a piacere si decide se togliere anche la cipolla

 A questo punto,li ho trasferiti nella ciotola per frullarli, lasciando una terza parte per la coreografia. ed ho cominciato a far bollire l'acqua per la pasta.
 Ho Trasferito la crema di peperoni in una padella e l'ho riscaldata a fiamma bassa.


 Quando la pasta si è cotta, l'ho versata nella padella assieme alla crema di peperoni e fatta “saltare” per un paio di minuti,ho aggiunto il pecorino romano e le foglie di basilico fresco.









martedì 4 luglio 2017

Paccheri al coccio

Il termine pacchero è impiegato anche con il significato di schiaffo, in alcune espressioni popolari:
Stare sotto al pacchero = stare sotto i comandi di qualcuno
 Dare un pacchero a mano smerza = dare uno schiaffo con il dorso della mano
nella lingua italiana come "pacca", ovvero uno schiaffo dato a mano aperta, senza intenzioni ostili. Da qui il nome del tipo di pasta, dalla taglia molto superiore alla norma, in genere accompagnato da sughi succulenti. I paccheri possono essere anche farciti con ricotta o altri ingredienti e serviti con il ragù.Molti credono che si beve solo vino bianco durante una pietanza di pese,invece non è così, vino rosso e pesce sono un connubio perfetto, consigliato anche  da molti sommelier e chef famosi!Io ho usato il PIEDIROSSO campano.

I  paccheri sono un tipo di pasta tradizionale napoletana aventi la forma di maccheroni giganti, generalmente realizzati con semola di grano duro.
Difficoltà minima
tempo30 minuti
Ingredienti per 3 persone:

    250 g di paccheri paccheri
    600g di cocci
    10 pomodorini datterini
    olio extravergine d’oliva
    mezzo bicchiere di vino bianco
    1 spicchio d’aglio
    1 peperoncino piccante
     prezzemolo tritato
    sale qb
Procedimento:
il coccio viene  rosolato  in padella con l’olio e l’aglio, si aggiunge un bicchiere di acqua poi si bagna  con un goccio di vino, si uniscono i pomodorini tagliati e si  cuoce per circa 20 minuti con un coperchio

Passato il tempo, si aggiunge il sale, si spegne il fuoco e si tolgono i cocci dalla padella, si spolpano facendo attenzione a togliere bene  le spine,si tengono da parte

Nel frattempo si fa bollire la pentola con l'acqua per la pasta,intanto aggiungiamo nella padella la polpa del pesce e mantechiamo il tutto. Si calano i paccheri nell'acqua che bolle mettiamo il sale e a metà cottura si scolano prendendo un pò di acqua della pentola e si versano nella padella. Si fa cuocere per l'altra metà di minuti e a fuoco spento si mette  una bella manciata di prezzemolo tritato  e si serve ben  caldo.

lunedì 26 giugno 2017

Conserve di pomodori secchi in barattoli

CONSERVE DI POMODORI SECCHI IN BARATTOLI

Alcuni amici al ritorno dalla Puglia mi hanno portato una busta con i famosi pomodori secchi quelli di San marzano.Preparati sott’olio sono una conserva popolare in Calabria e in Puglia  tradizione tipica dell'italia meridionale per le zone ricche di pomodori. Ammetto che mi piacciono in maniera particolare  hanno un sapore unico e questa volta mi accingo a prepararli;si possono usare durante un aperitivo, per un antipasto su fette di pane casereccio, nelle insalate di verdure o di riso, nella caprese, insomma anche per insaporire  un piatto di pasta.si preparano alla fine dell’estate quando si usano i pomodori freschi per l'essiccazione al sole,questi in busta si possono fare anche in questo periodo e sono più semplici da preparare. Si posso gustare per tutto il periodo invernale.
 Prima di usarli nelle preparazioni i pomodori secchi andranno ammollati nell’acqua, sia per reidratarli che per levare il sale che è stato usato per conservali.poi si  mettono sott’olio. chiusi  ermeticamente in barattoli di vetro, chiusi in battoli per almeno 20 giorni prima di consumarli.


Ingredienti per due barattoli

  1 l. di Acqua
  4-5 cucchiai di aceto di vino bianco
 Pomodori in busta essiccati san marzano 300g
 spicchi di aglio
 Peperoncino sbriciolato
 Olio extra qb

PROCEDIMENTO:
Sterilizzate i barattoli  in una pentola capiente con tutti i coperchi  estraeteli dall'acqua utilizzando una pinza

 e lasciate raffreddare su uno strofinaccio con l’apertura verso il basso,dopo qualche minuto voltateli e fate evaporare l’acqua
Poi sciacquate i pomodori per bene sotto l’acqua corrente e  metteteli in una pentola di acqua fredda con un filo di aceto. Portate a ebollizione e fate bollire per 30 minuti
 Scolateli e metteteli uno vicino all’altro su un paio di strati di carta assorbente e fateli asciugare per due ore, rigirandoli di tanto in tanto per farli reidratare.

 Cominciate a inserire i pomodori aggiungendo l'olio extravergine d'oliva  assicurandovi di ricoprire bene i pomodori.Usate il manico di legno del cucchiaio per fare pressione
aggiungete i pezzetti di aglio e il peperoncino.Alla fine coprite con  il pressello che si mette sopra per far pressione ed è fatta!

giovedì 25 maggio 2017

Pasta con crema di carciofi e carciofi

PASTA CON CARCIOFI


I carciofi sono di origine mediterranea,utili per il fegato e per disintossicare l'organismo, sono ortaggi ricchi di proprietà benefiche.Naturalmente le calorie aumentano a seconda dei condimenti che utilizziamo quando li prepariamo. La ricetta che propongo è con la pasta ed è una pietanza invernale non molto calorica, si può usare sia la pasta di fusilli che con le tagliatelle


INGREDIENTI per 2 persone

Brodo vegetale
6 carciofi
50 g pancetta
1 limone
prezzemolo
cipolla
spicchio di aglio
olio extravergine
sale qb
pepe qb
250 g di fusilli oppure tagliatelle


PROCEDIMENTO :
Puliamo i carciofi,li tagliamo a metà privandoli della barba interna,tagliamo una buona parte del gambo che taglieremo a cubetti
li immergergiamo in una ciotola con il limone e acqua per non farli annerire.

Intanto prepariamo il brodino vegetale,in una padella rosoliamo la pancetta a dadini,con olio extravergine di oliva, la cipolla e l'aglio, aggiungiamo la salsiccia sbriciolata,sgoccioliamo i carciofi e li immergiamo nella padella e aggiungiamo il brodo
Dopo 15 minuti di cottura,provando   con la forchetta fino a che non sono diventati teneri,aggiungiamo il prezzemolo tritato.
Nel frattempo frulliamo i gambi dei carciofi con due carciofini e quando abbiamo formato una crema li uniamo nella padella

Cuocere la pasta, scolare e insaporire nella padella  aggiungendo il parmigiano e il pepe.

venerdì 28 aprile 2017

insalata di ravanelli,finocchi,carote e mela

INSALATA DI RAVANELLI, FINOCCHI, CAROTE E MELA
Lo sapevate che i ravanelli sono originari dell’Asia e che sono poveri di calorie, solo 16 ogni 100 grammi e ricchi di vitamina C, vitamine del gruppo B, ferro e zolfo.
Purificante del sangue,Disintossicante,Calmante: i ravanelli contengono sostanze capaci di calmare la tosse, ma anche il sistema nervoso. In questo ultimo caso si consiglia di assumere ogni giorno al mattino un cucchiaio di succo di ravanello Vengono solitamente mangiati crudi.
L’accostamento del dolce e salato nell’ insalata mi piace molto,Se preferite potete usare anche delle noci
INGREDIENTI PER 2 PERSONE:
6 ravanelli
3 finocchi
2 carote
1 mela
succo di 2 limoni
4 cucchiai di olio extravergine di oliva
a piacere 2 cucchiai di aceto di mele
sale
PROCEDIMENTO:

Lavate e affettate i finocchi,Lavate i ravanelli e tagliateli a rondelle,Pelate le carote e fatele a rondelle oppure a julienne.
In una ciotola capiente mettete i finocchi, i ravanelli affettati, le carote e la mela a dadini versate sopra i limoni cosi non anneriscono le verdure,l'olio e il sale e girate bene.
Servite subito




domenica 23 aprile 2017

FLAN DI ASPARAGI IN PIROTTINI ( CREMA DI ASPARAGI IN PIROTTINI)


FLAN DI ASPARAGI IN PIROTTINI ( CREMA DI ASPARAGI IN PIROTTINI)

 Gli asparagi sono ortaggi molto pregiati sani e gustosi, utili per depurare l'intestino già note agli antichi egizi,vengono impiegati in numerose ricette più che come semplice contorno. L’origine è antichissima e individuata in Mesopotamia, mentre secondo i Romani gli asparagi davano nuova linfa al corpo.Contengono poche calorie e sono ricchi di sali minerali e vitamina E. La stagione di raccolta degli asparagi è la primavera, da marzo a giugno, quando i germogli sono ancora teneri. In Italia vengono coltivati prevalentemente in Piemonte, Liguria, Veneto, Emilia-Romagna, Toscana, Lazio e Campania e ne esistono circa 200 varietà. Le più comuni sono quattro: quello Bianco, dal sapore delicato; il Violetto dal sapore un po’ amaro è un asparago bianco che fuoriesce dal terreno e si colora per effetto della luce; quello verde è l’asparago più comune e conosciuto; infine il Selvatico dal gusto marcato che cresce spontaneo, è sottile e ha colore uniforme. Quest’ultima tipologia si presta particolarmente per frittate e zuppe, mentre le altre possono essere utilizzate indifferentemente per tutte le preparazioni





 Ingredienti:
INGREDIENTI:
12-13 asparagi
due albumi d'uovo
pecorino grattugiato
cipolla
sale qb
Stampini
pennelino
olio

 PROCEDIMENTO:
Iniziate lavando accuratamente gli asparagi sotto l'acqua corrente, eliminate la parte finale bianca più dura.
Tagliate a rondelle il gambo e conservate le punte a parte

lessatele in acqua per 10 minuti prima di scolarli provate a infilzare con i rebbi di una forchetta le punte: saranno pronti quando risulteranno teneri ma ancora compatti .Scolate quindi gli asparagi e fateli freddare leggermente prima di utilizzarli

Mettete un filo d'olio con la cipollina in una padella antiaderente e immergetevi le punte di asparagi aggiungendo di tanto in tanto un po' acqua, Spegnete il fuoco e tenetele da parte per poi utilizzarle nella decorazione, una volta raffreddate dividete le punte a metà

Frullate le rondelle di asparagi fino ad ottenere un composto cremoso,trasferite la crema di asparagi in una ciotola Versate nel composto anche il pecorino grattugiato e gli albumi leggermente montati  Amalgamate il tutto e mettete da parte
 Prendete, quindi, 4 stampini ungerli di olio aiutandovi con un pennello Versate il composto ottenuto dentro gli stampini e poneteli in una piccola teglia di alluminio, riempendola d'acqua fino a metà

 poneteli in una piccola teglia di alluminio, riempendola d'acqua fino a metà

 A questo punto infornate in forno statico già caldo a 180° per 45 minuti (se usate il forno ventilato cuocete a 160° per 35 minuti) fino a che la superficie non risulterà leggermente dorata Lasciate intiepidire il flan di asparagi e sformatelo delicatamente staccandolo dal bordo con un coltellino Decorate il flan di asparagi con le punte che avevate saltato e messo da parte facendo fruttare la vostra fantasia. Il vostro flan di asparagi è pronto per essere servito e gustato tiepido!